Si ricomincia ogni giorno da capo

23.11.2022

Sono di nuovo riusciti ad approdare al «Kassensturz»: i prodotti a base di carne cattivi, anzi «potenzial­mente letali», addizionati con sale nitritato.

Viene da chiedersi se siano già passati tre anni, dato che la trasmissione per i consumatori ha ripreso l’argo­mento. Il direttore dell’Unione Ruedi Hadorn si è reso disponibile a rispondere alle domande insistenti, quasi pungenti della moderatrice. Un’impresa quasi impossibile, quella che il direttore si è trovato ad affrontare. L’opinione della moderatrice era evidentemente preconcetta e il messaggio sembrava chiaro fin dall’inizio: i prodotti a base di carne sono dannosi per la salute e portano inevitabilmente alla morte, non si scappa. Punto e basta! Sarebbe invece auspicabile una maggiore correttezza nel dialogo, anche se l’impostazione di un’intervista del «Kassensturz» è comunque notoriamente improntata al confronto aggressivo.

Nonostante ciò, i prodotti a base di carne con sale nitritato continueranno a stimolare le discussioni anche in futuro. Almeno fino a quando qualche studio riuscirà a dimostrare che una percentuale infinitesimale di tutte le persone potrebbe essere danneggiata dalla carne. Per i ricercatori e gli imprenditori dovrebbe valere la regola che vale anche in altre circostanze: cercare delle possibili vie d’uscita. Si tratta di porsi delle domande. Esistono delle alternative? È vero che il consumatore acquista i prodotti a base di carne solo per abitudine? Ricordiamoci dei tempi in cui si parlava della carne di vitello di colore bianco: i clienti erano convinti che soltanto la carne bianca fosse veramente tenera e meritevole del prezzo da pagare. Nel frattempo, è stata accettata anche la carne di vitello rossa. Non da ultimo grazie alla comunicazione in base alla quale anche questa carne soddisfa le aspettative.

Anche i consumatori hanno un ruolo da svolgere. Il servizio di «Kassensturz» ha dimostrato che si acquista ciò che corrisponde a determinate idee sul colore. E questo ci porta alla questione dell’uovo e della gallina. Occorre che vi sia prima la domanda di prodotti senza sale nitritato «dannoso» oppure la disponibilità ad acquistare si risveglia se viene introdotta la corrispondente offerta alternativa?

Anche se la prossima settimana nella trasmissione per i consumatori «Kassensturz» verrà perseguitato un altro capro espiatorio, siamo convinti che gli ulteriori sviluppi non saranno mai inutili.

Bruno Eisenhut (ic)
Editore

 
 
 
 
 

Unione Professionale Svizzera della Carne UPSC · Sihlquai 255 · Casella postale · 8031 Zurigo · Tel. +41 44 250 70 60 · Fax +41 44 250 70 61 · info(at)sff.ch

Swiss Meat People